Lunedì, 17 Luglio 2017 13:46

APRO Formazione a Birmingham per la costruzione del sistema europeo di riconoscimento e certificazione delle competenze

L’Agenzia albese selezionata tra i 100 esperti da 28 Paesi europei per partecipare all’evento organizzato dall’Agenzia Nazionale Erasmus+ del Regno Unito

 

Quali strumenti permettono di preparare al meglio gli studenti prima di un’esperienza all’estero? Come scegliere l’azienda estera in cui inviare il tirocinante, ma soprattutto come valutare quanto da lui appreso? Come dotare gli studenti di una qualifica spendibile facilmente in tutta Europa?

Sono queste alcune delle domande con cui si confronta sempre più spesso chi opera nella Formazione Professionale. Le stesse sono anche al centro dell’Attività Transnazionale di Cooperazione (TCA) organizzata i giorni 4 e 5 luglio a Birmingham dall’Agenzia Nazionale Erasmus+ del Regno Unito ECORYS in collaborazione con il team di esperti ECVET UK. Due giorni di confronto e peer learning tra 100 esperti di Formazione Professionale e Istruzione, provenienti dai 28 Paesi dell’Unione Europea.

Ma procediamo con ordine. Che cos’è innanzitutto una TCA?

TCA è l’acronimo di Transnational Cooperation Activity (Attività Transnazionale di Cooperazione), una tipologia di evento organizzata dalle Agenzie Nazionali Erasmus+ al fine di favorire il confronto tra Paesi Membri su progetti, stato di attuazione delle politiche europee in tema di istruzione, formazione e giovani, nonché di loro prospettive future.

Su quali argomenti in particolare verte l’evento organizzato a Birmingham?

L’evento di Birmingham, dal titolo “Percorsi per una valutazione e un riconoscimento delle competenze più efficaci per quanti coinvolti in percorsi di apprendimento all’interno e oltre i confini nazionali”, si concentra sugli strumenti europei oggi esistenti per la trasparenza e il riconoscimento delle attività formative quali ECVET, EQAVET e Europass, sulla loro efficacia e i loro possibili sviluppi.

Che cosa sono gli strumenti ECVET, EQAVET e Europass?

L’ECVET è il sistema europeo di crediti per l'istruzione e la formazione professionale volto ad agevolare la convalida e il riconoscimento di competenze acquisite sul lavoro e di conoscenze assimilate in diversi sistemi e Paesi, in modo che possano contare ai fini dell’ottenimento delle qualifiche professionali. Grazie al sistema ECVET, i percorsi formativi risultano modulari ed è più facile così integrare in uno stesso percorso esperienze formative diverse. Il sistema ECVET permette ad esempio di riconoscere più facilmente nel percorso formativo di uno studente uno stage all’estero finanziato da Erasmus+.

L’EQAVET è invece un sistema di assicurazione della qualità che permette agli Stati membri di promuovere e monitorare il miglioramento continuo dei sistemi di istruzione e formazione professionale (IFP). Assicurare la qualità dei titoli, delle qualifiche e delle istituzioni che le rilasciano rende più semplice favorire l’omogeneità e la reciproca leggibilità dei diversi sistemi nazionali.

L’Europass infine è l’insieme di documenti utili ad attestare le competenze acquisite dal singolo nel corso della vita. Grazie a questi documenti (l’Europass Curriculum Vitae, il Passaporto delle Lingue, l’Europass Mobilità, il Supplemento al Diploma e il Supplemento al Certificato) diventa più facile comprovare le proprie competenze, anche in caso di trasferimenti all’estero.

Qual è l’esperienza di APRO Formazione nel settore?

APRO Formazione usa costantemente gli strumenti ECVET ed Europass per ogni persona inviata o accolta in mobilità e lavora attivamente in conformità ai principi EQAVET.

L’Agenzia, in particolare, è stata selezionata tra i partecipanti dall’Agenzia Erasmus+ italiana – INAPP per aver sviluppato matrici ECVET e strumenti di valutazione per 13 profili professionali, oltre che per l’esperienza maturata in progetti di mobilità e cooperazione internazionale, sul riconoscimento delle competenze non formali e informali e sul sistema duale.

“Partecipare a questo tipo di incontri è una preziosa occasione di confronto sia con i colleghi di tutta Europa sia con quelli che sono gli ultimi orientamenti nelle politiche europee” commenta Nicola Alimenti, Responsabile dei Progetti Europei in APRO Formazione. “Qui a Birmingham ad esempio stiamo già lavorando su ErasmusPro, il programma che dal 2018 prevede 50.000 mobilità in più per tirocini di lunga durata (dai 3 ai 12 mesi). Essere qui vuol dire avere, una volta rientrati, tutte le conoscenze per farsi trovare pronti a cogliere ogni nuova opportunità in arrivo dall’Europa per i nostri studenti e per contribuire a rendere sempre più la Formazione Professionale una prima scelta”.

Letto 185 volte